épice,spezia, zenzero, curcuma, carvi, coriandolo per il mal di ventre o di viaggio

Quale spezia scegliere per il mal di ventre

Quale spezia scegliere per evitare o sanare disturbi ventrali

Lo zenzero

Lo zenzero è una spezia dal sapore leggermente piccante che si può utilizzare crudo, cotto, candito, in polvere o sotto forma di olio essenziale.
Tra le diverse azioni benefiche dello zenzero, lo si utilizza per alleviare i disturbi allo stomaco, facilitare la digestione, prevenire la nausea e il vomito. Funziona anche in caso di mal d’auto, barca, aereo.. 🙂

Come prenderlo: aggiungere in una tazza di tisana, un pezzo di zenzero fresco (10g) o in polvere (1/4 di cucchiaio a caffè).

Nei viaggi si può anche mangiare una o due fette di zenzero confitto.

 

La Curcuma

La curcuma è una spezia gialla che colora gli alimenti di un bel giallo solare.
Favorisce la sintesi della bile dalle cellule della cistifellea e la sua escrezione durante la fase digestiva.
Rende i corpi grassi solubile e previene i calcoli biliari. Inoltre protegge il fegato e la mucose dello stomaco.

Come prenderla: 1 o 2 cucchiai a caffè al giorno nelle verdure, le minestre, le carni, ecc.

Per una migliore assimilazione dall’organismo e un maggior beneficio, la si associa a del pepe nero.

 

Il carvi

Il carvi è la spezia da utilizzare per lottare contro l’aerofagia e le flatulenze, che siano legate all’alimentazione o alle emozioni.

Come prenderlo: 1 cucchiaio a caffè di carvi in polvere nelle pietanze che possono causarle (cavoli, lenticchie, ecc.), oppure ½ cucchiaio a caffè di semi da masticare in caso di sintomi.

 

Il coriandolo

Il coriandolo è una spezia che si utilizza molto nella cucina sud americana.Lo troviamo nella ricetta del guacamole.
Diversi studi hanno dimostrato la sua efficacia contro l’helicobacter pylori, il batterio responsabile di 80% delle ulceri gastriche.
Calma le mucosi dello stomaco ed è un ottimo antisettico.

Come prenderlo: in prevenzione, ½ cucchiaio a caffè di polvere nelle pietanze. Per una maggior efficacia associarlo al basilico (un altro antiacido naturale).

 

Lascia un commento